Ce site utilise des cookies afin d’améliorer votre expérience de navigation.
En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies et autres traceurs à des fins de mesure d’audience, partage avec les réseaux sociaux, profilage.

La société d’avocats Damy

La Société d'avocats Damy à Nice assure une prestation de haut niveau, de la consultation d’un avocat à la représentation en justice. Les avocats du cabinet sont compétents en droit des affaires, des sociétés, droit immobilier, droit bancaire, droit social, droit des victimes et cas de dommages corporels. Membre de l’Association des avocats praticiens en droit social, Maître Grégory Damy dispose de certificats de spécialisation.  

Di Grégory DAMY

specialista in diritto del lavoro e più in particolare nelle procedure di licenziamento

04.92.15.05.05.

Cass. soc., 11 luglio 2012, n. 11-20.073

Nel contesto di un licenziamento economico, il datore di lavoro deve aver informato il dipendente della ragione economica invocata prima di aderire all'accordo di riclassificazione personalizzato (CRP).

Nel contesto di un licenziamento economico, un dipendente ha aderito a un CRP che gli è stato proposto durante l'intervista preliminare e il suo licenziamento gli viene notificato il giorno successivo.

Per la Corte di Cassazione, confermando la decisione dei giudici di merito, il licenziamento non era basato su una causa reale e grave. Infatti, in caso di accettazione di un CRP da parte del dipendente, il datore di lavoro deve averlo informato del motivo economico,

- nel documento informativo sull'accordo di riclassificazione personalizzato, che deve essere consegnato al dipendente interessato dal piano di licenziamento proposto,

- o nella lettera che deve inviare al dipendente quando scade il termine di risposta dopo il termine per l'invio della lettera di licenziamento,

- ancora, quando non è possibile per il datore di lavoro inviare questa lettera prima dell'accettazione da parte del dipendente del contratto proposto, in qualsiasi altro documento scritto, consegnato o inviato a quest'ultimo al più tardi al momento dell'accettazione.

Inoltre, poiché la Corte d'Appello aveva rilevato che il datore di lavoro aveva inviato al dipendente una lettera in cui si dichiarava il motivo del licenziamento che, dopo la sua accettazione del CRP, il licenziamento non era basato su una causa reale e grave. Questa giurisprudenza è, a nostro avviso, trasferibile al contratto di sicurezza professionale (CSP) il cui regime è modellato su quello del CRP.

Grégory DAMY, Bel avvocato

Dottore in legge

Specialista in diritto del lavoro e procedura di licenziamento

DAMY Lawyers Company

SELARL con capitale di 949 000 euro

13 Boulevard Gambetta

06000 Nice

Tel: 04-92-15-05-05

Fax: 04-93-96-22-50

sito web: gregorydamy.niceavocats.fr