Ce site utilise des cookies afin d’améliorer votre expérience de navigation.
En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies et autres traceurs à des fins de mesure d’audience, partage avec les réseaux sociaux, profilage.

La société d’avocats Damy

La Société d'avocats Damy à Nice assure une prestation de haut niveau, de la consultation d’un avocat à la représentation en justice. Les avocats du cabinet sont compétents en droit des affaires, des sociétés, droit immobilier, droit bancaire, droit social, droit des victimes et cas de dommages corporels. Membre de l’Association des avocats praticiens en droit social, Maître Grégory Damy dispose de certificats de spécialisation.  

Fino al 1° gennaio 2017, i dipendenti che guidavano un veicolo messo a disposizione dal loro datore di lavoro sono stati salvati a punti per violazioni del codice della strada.

Dal 1° gennaio i datori di lavoro sono obbligati a comunicare l'identità del conducente entro 45 giorni o a pagare una multa di 750 euro. Inoltre, essi devono prendere le precauzioni necessarie per pagare la multa al posto del dipendente che ha commesso l'infrazione.

In una sentenza del 9 marzo 2017, la Corte di Cassazione ha stabilito che "l'assunzione da parte del datore di lavoro della responsabilità per le multe che puniscono una violazione del codice della strada commessa da un dipendente della società costituisce un vantaggio (...). Il trattamento di tali reati è considerato retribuzione ed in quanto tale è soggetto ai contributi sociali come tutte le somme versate ai lavoratori in cambio o in relazione al lavoro. Di conseguenza, per non rischiare il recupero, l'importo dell'ammenda da lui pagato deve essere reintegrato nella base dei contributi versati all'URSSAF.

Il legislatore ha colmato le lacune del sistema in quanto i datori di lavoro che spesso preferiscono proteggere i propri dipendenti si trovano ora in una situazione delicata.

società legale Damy - 2017 - Diritto penale e diritto del lavoro