Ce site utilise des cookies afin d’améliorer votre expérience de navigation.
En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies et autres traceurs à des fins de mesure d’audience, partage avec les réseaux sociaux, profilage.

La société d’avocats Damy

La Société d'avocats Damy à Nice assure une prestation de haut niveau, de la consultation d’un avocat à la représentation en justice. Les avocats du cabinet sont compétents en droit des affaires, des sociétés, droit immobilier, droit bancaire, droit social, droit des victimes et cas de dommages corporels. Membre de l’Association des avocats praticiens en droit social, Maître Grégory Damy dispose de certificats de spécialisation.  

Lasciare - ha ripreso a svolgere il lavoro da parte dell'ufficiale giudiziario

Cong_____reprise_4e5e296c73952.jpgCong_____reprise_4e5e296c73952.jpg

Sales price 19,99 €
Discount
Price / kg:
Hai dato uno spazio residenziale in affitto e si desidera terminare il contratto di locazione alla sua scadenza per ricostruire, migliorare i locali o aumentare la superficie. In questo caso, dovete consegnare l'autorizzazione al vostro inquilino per lettera raccomandata con ricevuta di ritorno o per atto dell'ufficiale giudiziario almeno sei mesi prima della data di scadenza del contratto di locazione. Si consiglia di inviare il congedo dall'ufficiale giudiziario per una maggiore sicurezza, perché se si invia una lettera raccomandata, è possibile che il vostro inquilino non lo ritirerà presso l'ufficio postale in caso di assenza. A pena di nullità, l'aspettativa deve riprodurre il testo degli articoli 13 e 13 bis della legge n. 48-1360 del 1o settembre 1948. Deve inoltre specificare i motivi per i quali è concessa l'aspettativa (L. n. 48-1360, 1 settembre 1948, art. 13 ter). Se non iniziate i lavori entro il termine stabilito o se non li eseguite nelle condizioni annunciate, rischiate di essere privati di ogni diritto di restituzione e di essere multati da 750 a 1 500 euro, fatto salvo l'eventuale risarcimento dei danni (L. n. 48-1360, 1 settembre 1948, art. 59). Nell'ambito dell'acquisizione per l'esecuzione dei lavori, l'inquilino ha il diritto di essere reintegrato se non si è trasferito inizialmente. Al termine dei lavori, è necessario inviare all'ex occupante una diffida, mediante lettera raccomandata con ricevuta di ritorno o atto dell'ufficiale giudiziario, al fine di far valere tale diritto di reintegrazione (L. n. 48-1360, 1 settembre 1948, art. 13, cpv. 2).