Ce site utilise des cookies afin d’améliorer votre expérience de navigation.
En poursuivant votre navigation, vous acceptez l’utilisation de cookies et autres traceurs à des fins de mesure d’audience, partage avec les réseaux sociaux, profilage.

La société d’avocats Damy

La Société d'avocats Damy à Nice assure une prestation de haut niveau, de la consultation d’un avocat à la représentation en justice. Les avocats du cabinet sont compétents en droit des affaires, des sociétés, droit immobilier, droit bancaire, droit social, droit des victimes et cas de dommages corporels. Membre de l’Association des avocats praticiens en droit social, Maître Grégory Damy dispose de certificats de spécialisation.  

La tecnicità del regime di esecuzione dei mandati d'arresto europei continua ad alimentare il dibattito giurisprudenziale (cfr. Corte di giustizia delle Comunità europee, 28 giugno 2012, aff. C- 192/12. Cass. Crim. 8 agosto 2012, N. 12-84.760: GiurisData N. 2012-018805. Cass. Prem. 24 agosto 2012, n° 12-85.244 : GiurisData n° 2012-018807). Con sentenza del 5 settembre 2012, la Corte di giustizia europea ha sottoposto una questione pregiudiziale alla Corte e ha chiarito che uno Stato membro non può riservare ai propri cittadini il diritto di non eseguire un mandato d'arresto europeo ai fini dell'esecuzione sul suo territorio di una pena detentiva inflitta in un altro Stato membro.

Nel caso di specie, le autorità giudiziarie portoghesi avevano emesso un mandato d'arresto europeo nei confronti di un cittadino portoghese residente - e socialmente integrato - in Francia, in vista dell'esecuzione di una pena detentiva inflitta da un tribunale portoghese.

Invocando il rispetto del suo diritto alla vita privata e familiare, il cittadino portoghese ha chiesto alla Francia di rifiutarsi di consegnarlo alle autorità portoghesi per essere imprigionato in Francia.

La sua richiesta era contraria all'articolo 695-24 del codice di procedura penale, che si riserva il diritto di rifiutare l'esecuzione di un mandato d'arresto europeo per tali motivi ai soli cittadini nazionali.

La Corte d'appello di Amiens ha sospeso il procedimento per chiedere alla Corte di giustizia di pronunciarsi sulla compatibilità della riserva francese con il principio di non discriminazione.

La Corte di giustizia europea precisa che gli Stati membri non possono, pena la violazione del principio di non discriminazione in base alla nazionalità, limitare la mancata esecuzione del mandato per motivi di rispetto della vita privata ai soli cittadini degli Stati membri, con esclusione assoluta e automatica dei cittadini di altri Stati membri.

Aggiornamento Procedura Studio-Penale DAMY 2016