Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

Con decisione del 13 luglio 2012, il Consiglio di Stato stabilisce le norme applicabili in materia di deducibilità dell'IVA pagata sulle spese connesse alla vendita di titoli azionari.

Quando una holding, che esercita un'attività economica per la quale è soggetta ad IVA, intende cedere in tutto o in parte le azioni della partecipazione detenute in una controllata e, a tal fine, comunica spese per la preparazione di tale incarico (nella fattispecie si trattava di servizi di intermediazione e consulenza), è autorizzato, previa produzione di documenti giustificativi, a detrarre l'IVA su tali spese (CGI). 271 (I-1), che sono considerati come facenti parte delle sue spese generali e si riferiscono agli elementi costitutivi del prezzo delle operazioni relative a questa attività economica. Questo è il caso in cui la vendita di titoli non ha luogo.

Nel caso in cui tale cessione sia avvenuta, indipendentemente dal fatto che l'operazione esca dall'ambito di applicazione dell'IVA o nell'ambito di applicazione ma esenti, l'amministrazione è legittimata a mettere in discussione la deducibilità dell'imposta su tali spese quando stabilisce che questa transazione ha un carattere pecuniario, a condizione che i proventi di questa vendita siano stati distribuiti, indipendentemente dai termini di tale distribuzione, o che, in assenza di prove contrarie da parte della società, tali spese siano state incorporate nel prezzo di vendita delle azioni.

Società Avvocati DAMY 2016